L’ondata di innovazione che sta attraversando la logistica 4.0 porta con sé nuove tecnologie che consentono di migliorare l’efficienza, di limitare gli errori e soprattutto di monitorare in tempo reale.

Uno dei fattori che ha guidato il cambiamento della corrispondenza è la diffusione dell’e-commerce: l’aumento degli acquisti online è un dato reale, spesso accompagnato da un’oggettiva difficoltà logistica dovuta alla reperibilità dell’utente finale.

Le dinamiche in atto, in particolare l’evoluzione delle esigenze legate alla consegna al consumatore finale, stanno portando alla riconfigurazione dell’ultimo miglio, sia in termini di network fisico che di tecnologie a supporto della gestione della distribuzione.

Gli smart lockers sono lo strumento scelto dalle migliori piattaforme e-commerce per automatizzare le fasi di pick up e delivery. Grazie alla loro solidità, questi armadietti intelligenti sono posizionabili nei pressi dei punti vendita oppure in luoghi con alta frequenza di passaggio, non necessitano di presidio e sono disponibili 7 giorni su 7, 24 ore al giorno.

I lockers OCS sono facilmente integrabili con i sistemi aziendali e questo permette di offrire servizi self-service gestibili e controllabili localmente o da remoto.

OCS si inserisce in questo mercato con un’ampia gamma di smart lockers. L’obiettivo è di cucire soluzioni tailor made in base alle esigenze del cliente, adattando l’offerta alle richieste del mercato.

Una volta selezionata la tipologia di smart locker tra standard, riscaldati, refrigerati e surgelati è possibile personalizzare diversi aspetti della soluzione:

  • Sistemi di accesso: riconoscimento facciale o finger vein, carte RFID (radio-frequency identification), password, QR code o barcode. È possibile scegliere tra diversi sistemi o combinarne più di uno per assicurare una maggiore sicurezza
  • Dimensioni: sono disponibili diverse taglie di armadietti. La loro modularità permette di combinare diverse taglie per ogni colonna
  • Spessore: è possibile aumentare lo spessore degli armadietti per renderli più robusti e resistenti allo scasso
  • Grafica: customizzare l’esterno del locker rende il brand facilmente riconoscibile dagli utenti e può trasformarlo in uno strumento per migliorare la brand awarness, specialmente se posizionato all’esterno del punto vendita o in luoghi pubblici
  • Interfaccia: i nostri programmatori sono a disposizione per personalizzare l’interfaccia con logo, colori e font del cliente
  • Ricarica integrata per device elettronici

L’esperienza come system integrator, supportata da un minuzioso studio dei mercati e dalla scalabilità del software di gestione, ci ha permesso di individuare molteplici campi di applicazione che vanno ad integrare la funzione di parcel management per la quale sono stati pensati.

I beni strumentali concorrono a formare la struttura tecnico-operativa dell’azienda e perciò gli effetti delle decisioni di investimento si proiettano nel medio-lungo periodo, diventando così scelte strategiche. Questi beni devono essere tutelati dall’azienda e dall’utilizzatore in modo da garantirne il valore per tutto il periodo di ammortamento. Spesso però incorrono fattori che rischiano di far perdere valore agli strumenti aziendali, siano essi di tipo colposo come la negligenza di un dipendente o doloso come un furto.

Gli smart lockers, in questo ambito, possono essere sfruttati come strumento per ottimizzare la gestione della strumentazione aziendale in diversi campi:

  • Gestione flotte aziendali: monitoraggio costante dei mezzi disponibili
  • Gestione strumenti di lavoro: monitoraggio della strumentazione e possibilità di ricarica
  • Gestione dispositivi di sicurezza: deposito e ritiro DPI automatizzato (possibilità di notifica)

Le aziende che adottano questa soluzione riscontrano diversi benefici:

  • Altissimo livello di sicurezza delle risorse aziendali dato dallo spessore degli armadietti
  • Ricarica degli strumenti elettronici
  • Riduzione dei costi del personale addetto alla gestione dei depositi tradizionale
  • Tracciabilità dell’utilizzo degli armadietti (e quindi degli asset) da parte del personale grazie all’integrazione con i sistemi aziendali

Sempre più aziende decidono di mettere in discussione i tradizionali vincoli legati a luoghi e orari di lavoro lasciando alle persone maggiore autonomia nel definire le modalità di lavoro a fronte di una maggiore responsabilizzazione sui risultati.

Gli smart lockers sono uno strumento utile a ridurre i vincoli di spazio all’interno del posto di lavoro, perché forniscono ai dipendenti un luogo sicuro dove riporre i propri effetti personali e i propri strumenti di lavoro al termine del turno di lavoro in una determinata sede.

La possibilità di ricarica dei device elettronici rende poi la tecnologia riposta nello smart locker sempre disponibile e pronta all’uso.

Ogni anno si registra una crescita costante degli e-shopper, ossia degli utenti che effettuano acquisti su piattaforme e-commerce.

Sempre più spesso però chi compra online riscontra delle difficoltà sulla consegna dei propri ordini: generalmente i pacchi vengono distribuiti durante l’orario lavorativo e raramente l’utente medio è reperibile in quel periodo della giornata. Il risultato è che sempre più frequentemente gli utenti indicano il luogo di lavoro come indirizzo di consegna delle proprie spedizioni.

Alle imprese conviene accogliere con favore la richiesta dei dipendenti di ricevere i propri pacchi presso l’azienda, perché così facendo contribuiscono in un modo relativamente facile e poco dispendioso a facilitare la vita quotidiana dei dipendenti in un’ottica di welfare aziendale, ottenendo un beneficio indotto in termini di maggiore produttività del singolo.

La questione, per le imprese, diventa quindi come concedere questo flexible benefit ai propri dipendenti senza inficiare sulle attività aziendali di reception e logistica.

L’introduzione di smart lockers in azienda è una soluzione win-win, perché abbattere il confine tra vita privata e vita lavorativa conviene all’organizzazione da un lato e ai dipendenti dall’altro.

Le tipologie di smart lockers utilizzate per questo obiettivo sono diverse:

  • Gli smart lockers standard vengono utilizzati per il ritiro di normale corrispondenza o di ordini effettuati su siti e-commerce
  • Gli smart lockers refrigerati e surgelati possono essere utilizzati invece per il ritiro della spesa contenente prodotti freschi o per la conservazione dei pasti quotidiani

Il nuovo regolamento generale sulla protezione dei dati pone delle restrizioni in merito al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali all’interno delle aziende.

I dipartimenti aziendali toccati dall’introduzione di questa normativa sono diversi e gli smart lockers rappresentano una soluzione che introduce nuove best practice per la trasmissione della documentazione cartacea all’interno delle aziende.

I vantaggi apportati da questa soluzione sono molteplici:

  • Trasmissione tracciata e garantita del materiale
  • Identificazione dei dipendenti che effettuano lo scambio
  • Sicurezza sulla conservazione e sullo scambio della documentazione

Il flusso per la trasmissione di documenti si sviluppa come segue:

  • Dipendente 1 accede al locker con il suo badge aziendale e deposita il materiale
  • Invio di una mail a dipendente 2 con un codice univoco
  • Dipendente 2 accede al locker con il suo badge e con il codice univoco ricevuto
  • Dipendente 2 ritira la documentazione e chiude la trasmissione

Come snellire il processo di approvvigionamento di valuta straniera da parte dei clienti di un istituto di credito?

Con l’utilizzo di uno smart locker è possibile ridurre tempistiche e figure impiegate in questo processo garantendo un ottimo livello di sicurezza:

  • L’utente prenota la somma di denaro in valuta direttamente dalla propria area riservata
  • L’ordine viene ricevuto dalla banca e immediatamente inoltrato alla Banca Centrale
  • La Banca Centrale invia il contante tramite un corriere portavalori
  • Il portavalori accede direttamente allo smart locker, depositando la valuta prenotata dall’utente in un armadietto
  • Lo smart locker genera un codice e, tramite l’integrazione con i sistemi interni, l’utente riceve un codice univoco per il ritiro
  • L’utente accede al locker per ritirare il suo ordine utilizzando il proprio bancomat e il codice univoco inviatogli (l’utilizzo di un doppio sistema di accesso per l’accesso all’armadietto garantisce una migliore sicurezza dello scambio)

Quante volte durante un viaggio o una sessione di shopping abbiamo avuto la necessità di depositare bagagli o shoppers per facilitare i nostri spostamenti e migliorare o prolungare la nostra esperienza?

Centri commerciali, stazioni autobus o ferroviarie, aeroporti e hotel stanno entrando nell’ottica di mettere a disposizione degli utenti un luogo sicuro dove depositare i propri effetti, garantendo loro la comodità che gli permette di allungare il tempo di permanenza all’interno della struttura o del luogo che stanno visitando.